HUMAN BUROCRACY

(2021) 

L’esistenza umana viene rappresentata attraverso relazioni cromatiche che generano equilibri e disequilibri strutturali nelle narrazioni estetiche delle geografie psichiche dell’uomo.

Un sentiero non percorribile puramente sul piano razionale ma un’oscillazione continua tra il mondo della coscienza e quello dell’invisibile.